Binni, Capitini, Dessì e Leopardi

binni-90Nel 1965 (o nel ‘66) Walter Cremonte, oggi poeta perugino tra i più raffinati e apprezzati, partecipò, ancora ragazzo, a un concorso di studenti liceali che aveva per tema “Il potere di tutti”, la rivista di Aldo Capitini.
Lo scritto  presentato da Walter Cremante risultò il migliore e il nostro amico venne convocato a Villa Lilia, ove Capitini abitava, per  ricevere il premio, esclusivamente in libri.
Sembra che, dopo gl’inevitabili convenevoli e le calorose congratulazioni, il gran perugino conducesse il ragazzo al balcone e gli mostrasse dall’alto i giardini del Frontone. “Ecco – disse – lì veniva a sedersi Giacomo Leopardi nelle sue soste di meditazione”.
Perché Leopardi? – mi chiesi al racconto di Walter Cremonte e tuttora me lo chiedo.
Forse perché proprio da Leopardi, dallo scandalo e dalla protesta del poeta contro la morte che strappa l’amico all’amico, l’amante all’amante, dal sentimento di universale pietà  che ne scaturisce capace di estendersi dagli esseri umani a un piccolo sgraziato passerotto si alimentava l’utopia cosmica di Aldo Capitini, la peculiare religiosità che prometteva una perenne comunione tra morti e viventi.
Forse proprio per questo il filosofo perugino amava trasmettere ai più giovani la cara immagine del poeta.
Della forte presenza del poeta nel pensiero di Aldo  Capitini come anche in una cerchia illustre di suoi amici e sodali fin dagli anni Trenta, ho avuto conferma in occasione della giornata di studio organizzata martedì 4 maggio scorso a Perugia dalla Biblioteca Comunale e dal Fondo Walter Binni,  suggestivamente intitolata Ritratto del critico da giovane.
Lo scorso anno, l’impegno congiunto del direttore della Biblioteca, Maurizio Tarantino e dell’Amministrazione Comunale, ha consentito il  recupero e l’uso  come sala conferenze dell’antico oratorio di S. Angelo della Pace, a lungo adibito a magazzino.
La dedica a Walter Binni,  illustre italianista perugino del Novecento, rivelava da subito nei promotori  l’intenzione di fare di quel piccolo e prezioso monumento un luogo dedicato al dibattito culturale; intenzione che si manifesta positivamente anche nella manifestazione di martedì scorso: primo incontro di un ciclo dedicato a Walter  Binni, al suo mondo, ai suoi studi, all’attualizzazione della sua proposta critica.
Nel pomeriggio l’incontro, condotto e animato da Lanfranco Binni, è stato suddiviso in due parti: nella prima l’attenzione si è concentrata sulla “tesina”, di recente pubblicazione, che il ventunenne Walter Binni presentò a Pisa, quale  allievo della Normale, a una Commissione presieduta da Attilio Momigliano dal titolo L’ultimo periodo della critica leopardiana;  essa costituisce il nucleo originario della svolta più significativa della critica leopardiana del Novecento, rappresentata da La nuova poetica leopardiana del 1947.
Nella seconda parte è stato presentato il carteggio tra lo scrittore Giuseppe Dessì e Walter Binni, parte di un recente volume di Lettere di amici e lettori allo scrittore sardo.
Le accurate e stimolanti relazioni di Francesca Nencioni e Anna Dolfi, dell’Università di Firenze, di Massimiliano Tortora e di Anna Mario, dell’Università di Perugia, di Walter Cremonte, della rivista “Micropolis”, entreranno nella rete attraverso il sito del Fondo Walter Binni e saranno anche pubblicate a stampa in un apposito quaderno; per l’autunno è prevista la pubblicazione e presentazione del carteggio tra Walter Binni e Aldo Capitini.
L’incontro ha reso l’idea di un vero e proprio crogiuolo intellettuale che tra Pisa, Firenze e Perugia riscaldava alcune tra le più vivide intelligenze del Novecento spingendole alla ricerca e alla ribellione.
Da un lato s’imponeva  la dittatura intellettuale di Benedetto  Croce, della sua Estetica, dall’altra la cappa pesante del fascismo, clericalizzato dal Concordato.
Nel 1932 Capitini è ancora segretario-economo della Normale ed è in relazioni strettissime sia con Binni che con Dessì, normalista mancato ma presente nella vita universitaria di quella città.
Intorno una cerchia di amici e compagni di studio che mostreranno, nel tempo, qualità straordinarie di uomini e studiosi; tra loro Claudio Varese, Carlo Ludovico Ragghianti, Claudio Baglietto.
Durante le vacanze estive Binni e Capitini si incontrano nella nativa Perugia e dallo studiolo di Capitini Binni prende in prestito il libro dei Canti leopardiani nell’edizione curata da Alfredo Straccali. Essi sono “intimamente e amorosamente annotati”, “minutamente, canto per canto” da Capitini e Binni, più giovane di una decina di anni, che lo considera un maestro, ne assorbe gli stimoli. Ma la sua lettura segue una autonoma strada, che ribalta la lettura “idillica” del Croce. Di Leopardi Binni scopre, con le poesie dell’ultimo periodo, la tempra “virile” e la tensione “eroica” e anche (lo si legge tra le righe del piccolo saggio, ancora inevitabilmente acerbo e scolastico) la dimensione “civile”, quella dell’“onesto e retto conversar” cittadino, dell’etica “repubblicana” della Ginestra, tutte cose che animano il suo istintivo antifascismo.
Nel 1933 Aldo Capitini, pubblicamente solidale con Claudio Baglietto – come lui vegetariano e obiettore di coscienza – viene licenziato da Giovanni Gentile dalla Normale e torna a Perugia.
Binni in quello stesso anno sceglie come autore del colloquio di normalista quello che è diventato il suo “poeta”, il poeta che protesta contro il male e ad esso si ribella.
Tale argomento verrà poi ripreso in numerosi libri e corsi universitari.
Della conferenza tenuta all’Ateneo di Genova, nel 1947 su quel tema ha riferito il professor Riccardo Scrivano, suo allievo, nell’incontro del 4 maggio scorso alla sala Binni,
Era lo stesso anno 1947  quando, deputato socialista alla Costituente in sintonia con il suo amico Capitini,  Walter Binni difendeva la scuola pubblica, la “scuola di tutti”.
Anche Dessì, a metà degli anni Trenta lascia Pisa per Firenze per intraprende in quella città la carriera di insegnante e funzionario dell’istruzione pubblica.
La vita ha separato Aldo Capitini, Walter Binni, Giuseppe Dessì ma l’amicizia tra loro resta perenne, testimoniata anche dalla corrispondenza dove fa spesso capolino la figura di Giacomo Leopardi, la sua poesia e il suo pensiero, il suo radicalismo intransigente che gli studi di Walter Binni hanno restituito ad una lettura più rigorosa e moderna.
In una lettera di Giuseppe Dessì si legge: “… eravamo in tre, tu, Leopardi ed io”.

Salvatore Loleggio

1 Comment on Binni, Capitini, Dessì e Leopardi

  1. L’incontro è stato stimolante sotto molteplici punti di vista. Personalmente mi ha colpito molto l’aleggiare in tutti i discorsi del “fantasma” di Benedetto Croce, della sua “dittatura”, della sua “lettura idillica” di Leopardi, della sua avversione alla variantistica. Su questi temi ci sarebbe molto da dire (e smentire) e in generale mi piacerebbe che su questa grande figura si ragionasse qui a Perugia, magari proprio nella sala dedicata a Walter Binni. Ne avevo parlato molto con Stefano Miccolis e con Giorgio Minciotti (che conoscevo già dai tempi di Napoli), ma il primo ci ha lasciati e il secondo ha un’età che gli impedisce qualsiasi partecipazione attiva. Chissà se gli intellettuali perugini hanno voglia di misurarsi col grande filosofo napoletano?

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.